NAPOLI A 360° A 4 ZAMPE

Napoli in Note: Un Viaggio nella Storia della Canzone Napoletana

Introduzione:
Benvenuti a Napoli, la città del sole, del mare e, soprattutto, della canzone! La musica napoletana è un viaggio emozionante attraverso i secoli, un’ode alle passioni, ai sentimenti e, naturalmente, all’amore. Preparatevi a immergervi in un mondo vibrante di melodie e parole che raccontano storie di vita, amore e speranza.

La Nascita della Canzone Tradizionale Napoletana:
La storia della canzone napoletana affonda le sue radici nel XVIII secolo, quando le strade di Napoli erano piene di artisti di strada e cantastorie. Questi folkloristi ambulanti catturavano l’attenzione del pubblico con ballate che narravano storie di vita quotidiana.

Il declino del Regno delle Due Sicilie e l’unità d’Italia nel 1861 portarono a un rinnovato interesse per le tradizioni culturali locali, inclusa la musica napoletana. Questo periodo vide la nascita di molti dei brani più iconici del repertorio napoletano, con artisti come Roberto Murolo e Enrico Caruso che, nel secolo successivo, avrebbero contribuito ulteriormente a diffondere la fama di questa forma musicale in tutto il mondo. Quindi, il XIX secolo è considerato il periodo in cui la canzone napoletana cominciò a fiorire, stabilendo le sue radici culturali e musicali profonde che avrebbero continuato a crescere nei decenni successivi.

I Grandi Esponenti:

     

      1. Enrico Caruso:
        Il nome di Enrico Caruso risuona nell’aria napoletana come una melodia senza tempo. Nato nel 1873, Caruso è stato uno dei più grandi tenori di tutti i tempi. La sua voce potente ha portato la canzone napoletana sulle scene internazionali, diffondendo il suo fascino in tutto il mondo.
      2. Roberto Murolo:
        Nessun elenco di grandi esponenti della canzone napoletana sarebbe completo senza menzionare Roberto Murolo. Nato nel 1912, Murolo è stato un cantante, chitarrista e attore, portando avanti la tradizione musicale della sua città natale con passione e dedizione
      3. Sergio Bruni:
        Conosciuto come “La voce del Vesuvio”, Sergio Bruni ha incantato il pubblico con la sua voce calda e coinvolgente. Il suo contributo alla canzone napoletana è stato significativo, contribuendo a preservare e diffondere il patrimonio musicale della città.
      4. Renato Carosone: Cantante e pianista, Renato Carosone è stato un’icona della musica napoletana nel secondo dopoguerra. La sua musica spaziava dal genere tradizionale al jazz e al pop, contribuendo a rendere la canzone napoletana più eclettica.

     

    O’ Sole Mio: Un’Icona della Canzone Napoletana:

    Scritta nel 1898 da Giovanni Capurro e musicata da Eduardo Di Capua, la canzone è diventata un inno all’amore e al sole. La sua melodia allegra e le liriche romantiche catturano l’anima di chiunque l’ascolti, potreste ascoltarla fra i vicoli della città.

     

    Storia e nascita della canzone:

    Si dice che Giovanni Capurro abbia scritto il testo di “O Sole Mio” ispirandosi a una lirica preesistente di un suo amico, Alfredo Mazzucchi, che era un professore di musica. L’amico gli aveva mostrato il suo lavoro, ma era insoddisfatto di alcune liriche. Capurro, allora, decise di riscrivere il testo, creando così quello che sarebbe diventato uno dei brani più iconici della canzone napoletana.

    Quanto a Eduardo Di Capua, il compositore della musica, si dice che abbia scritto la melodia di “O Sole Mio” dopo essere stato ispirato dalla vista del golfo di Napoli e dal calore del sole. La canzone celebra la bellezza del sole e il suo potere riscaldante, ed è diventata un inno al romanticismo e all’amore.

    In definitiva, “O Sole Mio” è nata da una collaborazione tra il poeta Giovanni Capurro e il compositore Eduardo Di Capua, ciascuno contribuendo con la propria ispirazione e creatività per creare uno dei brani più amati della tradizione napoletana.

    Una finestra speciale la dedichiamo ad una figura che ha dato tanto a questa città, Pino Daniele:

    è stato un cantautore, chitarrista e compositore italiano nato il 19 marzo 1955 a Napoli e scomparso il 4 gennaio 2015. Pur non essendo esclusivamente associato al genere tradizionale napoletano, Pino Daniele ha avuto un impatto significativo sulla scena musicale napoletana e italiana nel suo complesso. Il suo stile unico ha mescolato influenze blues, jazz, rock e, naturalmente, elementi della tradizione musicale napoletana collaborando con Eric Clapton, Randy Crawford, Pat Metheny, Manu Chao, Marisa Monte.

    Tra le sue canzoni più celebri ci sono brani che hanno incorporato elementi della canzone napoletana, come “Napule è” e “Quanno chiove”. Pino Daniele è stato apprezzato per la sua abilità chitarristica virtuosa e la sua voce riconoscibile. Ha contribuito a portare la musica napoletana a un pubblico più ampio, attraverso la sua fusione di generi e il suo approccio innovativo.

    La sua scomparsa nel 2015 è stata un momento di tristezza profondissimo per i napoletani, per la città e per il panorama musicale italiano e internazionale, ma il suo lascito artistico continua a influenzare e ispirare artisti di diverse generazioni.

    Conclusione:
    La canzone napoletana è un tesoro musicale che continua a incantare generazioni. Con le sue melodie coinvolgenti e le liriche appassionate, trasporta chiunque l’ascolti direttamente nel cuore di Napoli. Così, mentre il sole splende su questa città affascinante, le note della canzone napoletana continuano a danzare nell’aria, portando con sé il calore e l’emozione di un patrimonio musicale senza tempo.

    Giò Giò “Vivi per la musica che amavi”

    Giovanni Battista Cutolo, noto come Giò Giò, giovane promessa della musica napoletana! La vera Napoli non finirà mai di ricordarti…

    Amazon:

    Giradischi Vinile, FYDEE Giradischi Portatile Vintage Bluetooth con 3 Velocità 33/45/78 RPM e 2 Altoparlanti Incorporati, Lettore Vinile Supporto per Cuffie, RCA, AUX – Noce (testato) 

    Il giradischi retro ha una bellissima finitura in legno naturale e combina il fascino retrò con la tecnologia moderna. È perfetto per i principianti e gli amanti del retrò. Inoltre, sarebbe il regalo perfetto per amici e familiari o magari per il tuo amico fido con vinili di reggae e soft rock!

    Facebook

    Approfondisci

    Articoli correlati

    Dj Setter
    it_IT
    Powered by TranslatePress