NAPOLI A 360° A 4 ZAMPE

IL SENTIERO DEI FORTINI Itinerari Anacapri

  1. Come arrivarci:
  • Per raggiungere Anacapri, puoi prendere un autobus diretto ad Anacapri dal porto o prendere un taxi o utilizzare la funicolare da Marina Grande e poi prendere ulteriore bus (Capri-Anacapri). Al Sentiero dei Fortini, una volta saliti ad Anacapri arrampicandosi per la strada scolpita nella roccia a strapiombo con vista mozzafiato. Arrivati ad Anacapri al sentiero dei fortini borbonici ci si arriva con un altro bus (Anacapri-Grotta Azzurra), chiedete all’autista (quando salite), la fermata di Punta Arciera. Il sentiero può essere percorso sia dalla Grotta Azzurra che dal Faro di Punta Carena (Autobus Anacapri – Faro di Punta Carena – fermata di Pino – chiedete all’autista), ma la nostra esperienza cominciò dalla grotta e ve la consigliamo. La strada la riconosci da tabelle maiolicate lungo l’itinerario, firmate dall’artista Sergio Rubino.                     
segnale sentiero dei fortini
Primo segnale partendo dalla Grotta Azzurra 

2. Durata del passeggio:
  • La durata del percorso può variare, ma in genere, la passeggiata completa può richiedere circa 3 ore, a seconda del passo e delle soste che fai lungo il percorso.
                                                              Il Sentiero dei fortini con Lola

3. Viste panoramiche:
  • Durante il percorso, godrai di splendide viste panoramiche sull’isola di Capri e sul Golfo di Napoli. Potrai ammirare il mare cristallino e la bellezza naturale dell’isola. Ecco a voi, di seguito, il fortino di Orrico con barca a vela in navigazione.
il sentiero dei fortini
4. Vegetazione:
  • La vegetazione lungo il Sentiero dei Fortini è tipica della macchia mediterranea, con alberi di pino, lecci, cipressi e arbusti aromatici. La flora varia a seconda della stagione, offrendo una gamma di colori e profumi. Potete ammirare di seguito l’immagine del fortino di Pino (diamestro esterno di 60 metri a 40 metri dal livello del mare – Cala di Mezzo e Cala del Limmo a sud) con il faro di Punta Carena sullo sfondo, mentre Lola controllava possibili avvistamenti nemici.
percorso del sentiero

5. Storia:
  • A noi ci piace la Storia ed allora sappiate che state calpestando un luogo storico molto importante. Costruito per scopi difensivi dai capresi a difesa degli assalti dei Saraceni verso il IX secolo, le truppe inglesi e poi i francesi lo ampliarono rinforzandolo. Questi ultimi sbarcarono (la conquista di Orrico) il 4 ottobre 1808, nella zona più difficile da invadere della costa, grazie a lunghe scale per l’approdo sulla roccia frastagliata. Guidati da Gioacchino Murat che guardava a distanza il combattimento a Napoli fra Posillipo ed i Campi Flegrei e grazie al “cavallo di Troia” ingegnato dal generale Lamarque (i nemici lo attendevano sulla costa di Marina Grande), riuscirono a sconfiggere le truppe avversarie dopo due settimane di combattimenti mai visti nell’isola.   
Percorso del sentiero
6. Percorso:
  • Il sentiero che costeggia il mare dalla Grotta Azzurra, attraversa varie cale e fortini (come Orrico, Pino e Mesola) lungo la costa occidentale e più impervia dell’isola. Alcune delle cale che potresti attraversare includono Cala del Rio, Cala Ventroso, Cala del Limmo e altre. E poi raggiungere la mèta arrivati a destinazione  al Faro di Punta Carena. stremati ma sani e salvi, con la gioia di ammirare uno spettacolo simile.
il faro, arrivo del sentiero
Tramonto indimenticabile arrivati al Faro di Punta Carena – Puro spettacolo –

Ricorda che le condizioni del sentiero possono variare, quindi è consigliabile indossare calzature adeguate e portare acqua.

Preferibile nei mesi che vanno da aprile a giugno, in quanto in questa zona batte forte il sole.

Ovviamente itinerario da grandi campioni dog friendly, come la mia Lola!

Buona escursione!

Altre foto della nostra escursione :

vista dal Faro (Anacapri)
fine escursione sentiero dei fortini
il sentiero dei fortini, segnali
segnali sentiero
Facebook

Approfondisci

Articoli correlati

il sentiero dei fortini
it_IT
Powered by TranslatePress